it.adnow.com/?referral=337274 VERITA' NASCOSTE: I SUMERI CONOSCEVANO GIA' IL PIANETA X, SCOPERTO DALLA NASA NEL 2004!!

I SUMERI CONOSCEVANO GIA' IL PIANETA X, SCOPERTO DALLA NASA NEL 2004!!



I SUMERI (3000 a.C.) NON SOLO CONOSCEVANO TUTTI I PIANETI DEL SISTEMA SOLARE, MA ANCHE IL PIANETA X, DALLA NASA SCOPERTO NEL 2004!!!?


Il sistema solare secondo i Sumeri (contate i pianeti)

La storia umana inizia all’improvviso, in Mesopotamia, dove sorgono i primi segnali della civilizzazione, con il popolo dei Sumeri, verso il 3000 a.C. 
Lo strano è che questo popolo, da subito ha mostrato di avere incredibili conoscenze in tutti i campi. Sostenevano che le loro conoscenze venivano da Aratta, una misteriosa città mai ritrovata, mi permetto di dire che non significa che non esiste, ma semplicemente che oggi non abbiamo ancora idea di dove si trovino le sue rovine. I Sumeri conoscevano incredibilmente bene la cosmogonia, la nascita dell’Universo, conoscevano il Big Bang, conoscevano in modo dettagliato la nascita del nostro pianeta, conoscevano già la disposizione di dieci pianeti nel Sistema Solare.


Immagine Nasa con l'aggiunta, dopo il 2004, dei nuovi pianeti



Oltre a  Plutone conoscevano addirittura Haumea, pianeta nano scoperto ufficialmente solo nel 2004. La loro conoscenza era tale da non considerare la nostra Luna un pianeta, come invece accadeva presso altre civiltà antiche, comunque successive.
Inoltre, sostenevano che vi era un undicesimo pianeta, chiamato Nibiru, cioè “Pianeta del Passaggio”. Guarda un po,  nel 2001 gli scienziati dell’Osservatorio Vaticano della Specola, in Arizona, avvistarono a malapena questo pianeta, lontanissimo dal Sole, battezzato con il nome di “Planet X”. Secondo gli studi, in un tempo remotissimo avrebbe ospitato acqua e, molto probabilmente, vita. Secondo altri, l’acqua è ancora presente su quel pianeta. I Sumeri conoscevano già 4500 anni fa la presenza di questo misterioso corpo celeste, di cui l’osservatorio americano SPT (South Pole Station) ha scattato chiare foto a partire da Marzo 2008. E’ stata classificata la più grande scoperta astronomica che sia mai stata fatta, ma il progetto di cover-up (censura) attuato dai governi non ha permesso la diffusione della notizia. Perchè? 
Secondo gli scienziati, grazie alle fondamentali teorie di Zecharia Sitchin, sumerologo e scrittore e padre della "Teoria del paleocontatto", Planet X (per gli antichi Nibiru) sta per rientrare nel nostro Sistema.




Non vi ricorda quanto raccontato nelle 5000 tavolette trovate a Sumer, il passaggio di Nibiru ed il conseguente diluvio sulla terra!!? Ma guarda che strana coincidenza !! Il racconto del diluvio viene descritto nelle tavolette cuneiformi, che per alcuni è la prima forma di scrittura sulla faccia della terra, e viene descritto anche nella Bibbia, nell'Antico Testamento ed in altre scrittura antiche; non può essere una fantasia comune a diverse civiltà! andiamo. Cosa vuol dire?? Vuole dire che il tutto è realmente accaduto ed è stato descritto nei testi appena detti. Questi testi non sono fantasia, come qualche credulone si racconta, forse per paura di affrontare e riconoscere la realtà anche se passata.



loading...






Già Plutone (il pianeta) secondo alcuni ricercatori, sta presentando anomalie precise: la sua orbita è bloccata. Non riesce a passare, come se un corpo estraneo che fino ad ora era assente non ne permette, per forza gravitazionale, il passaggio, e così Plutone non può nemmeno deviare l’orbita, per la pressione solare. L’orbita di Nibiru è di 3600 anni circa e le foto, che stavolta provengono dalla scienza, provano che il nostro è un Sistema binario. In pratica, non è formato solo da una stella, la nostra nana gialla chiamata Sole, ma da due stelle. L’altra era stata chiamata teoricamente da Sitchin "Nemesis", ovvero "opposto". La scienza ora l’ha battezzata proprio "Nibiru", in onore alle antiche conoscenze, anche se gli antichi non si riferivano alla stella con questo nome, ma al pianeta che orbita intorno ad essa. Già, perchè non sta entrando solo il pianeta, anche perchè altrimenti non si spiegherebbe lo sviluppo della vita in un pianeta che a tratti dista anche più di Plutone dal Sole, ma un intero e piccolo sistema planetario. Si tratta di una nana bruna, un tipo di stella, intorno al quale orbitano svariati pianetini, e il più grande è il famigerato Planet X, a cui la scienza ha lasciato questo nome. Le conoscenze sumere sono state tramandate agli accadi, poi ai babilonesi, agli assiri e infine agli egizi. I Greci e i Macedoni, con Alessandro Magno, e poi i Romani, con la loro conquista del mondo conosciuto, hanno portato ovunque la credenza del mondo come un piatto centro dell’Universo. Solo nel 1700, Copernico con i suoi studi riscoprirà che il mondo è sferico e che è la Terra a girare intorno al Sole insieme ad altri pianeti. L’ultimo pianeta del Sistema Solare, Plutone, è stato avvistato nel 1930. Nel 2500 a.C. i Sumeri già lo conoscevano, ma soprattutto sapevano di “Planet X”, o di Nibiru, come loro lo chiamavano. Ma ora prendiamo in esame un’altra civiltà orientale, quella ebraica. Nella Bibbia ebraica, nella Genesi, si parla della creazione dell’Umanità: "Dio disse: facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza" (Gn 1, 26). La parola ebraica originale  Elohim, non vuol dire Dio, ma è il plurale della parola Eloah,  rappresentando così il concetto creatore della divinità. E’ chiaro dunque che si parla non di singola persona, ma di entità che sul nostro pianeta ci hanno creato simili a loro. Più avanti, nel sesto capitolo della Genesi, quarto versetto, vi è scritto: "C’erano i giganti sulla terra a quei tempi, e anche dopo, quando i figli di Dio si accostarono alle figliole dell’uomo e queste partorirono loro dei figli. Sono questi i famosi eroi dell’antichità!". La parola ebraica Nefilim, cioè “Gigante”, deriva a sua volta da una sumera (Annunaki) che significa “coloro che dal cielo caddero sulla Terra”. Sono gli stessi esseri che agli occhi umani parvero divini (notare come vengono definiti "Figli di Dio", mentre le donne sono "figlie dell’uomo", sottolineando così due razze diverse, una superiore all’altra) e che chiamarono "Elohim".




Raccogliendo le testimonianze del passato, quindi, possiamo dedurre che questi alieni, cioè creature che non sono terrestri, questi “Annunaki”, venissero da un pianeta morto orbitante intorno ad Alnilam, la stella centrale della cintura di Orione, e si sarebbero poi stanziati su Nibiru, il Planet X, come fosse appunto un “pianeta di passaggio” per poi arrivare sulla Terra, pianeta verdeggiante e giovane, pronto ad ospitare la vita. Ma la vita c’era già sulla Terra, seppur con un grado di intelligenza molto inferiore a quello dell'uomo comune di oggi, e perciò i Nefilim sarebbero intervenuti geneticamente su queste specie di ominidi, dando vita all'uomo moderno!

SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST, ISCRIVITI AL BLOG!! MI AIUTERAI A FARLO CRESCERE.
Grazie