it.adnow.com/?referral=337274 VERITA' NASCOSTE: SCOPERTA UNA SECONDA LUNA DELLA TERRA!! E NON SOLO...

SCOPERTA UNA SECONDA LUNA DELLA TERRA!! E NON SOLO...


La Terra ha un secondo satellite, una mini-luna che orbita attorno al nostro pianeta. Si tratta del "quasi-satellite" 2016 HO3, ha dimensioni stimate comprese tra 40 e 90 metri. È troppo lontano per essere considerato una vera e propria "piccola Luna", ma non si discosta mai molto dal nostro pianeta, e così sarà per svariati secoli a venire.
Ogni notte serena i telescopi della NASA scrutano il cielo alla ricerca di asteroidi potenzialmente pericolosi per il nostro pianeta. Si scoprono circa 60.000 asteroidi l'anno, dei quali 2.000 sono NEO (Near Earth Objects), cioè quelli vicini alla Terra.




Ogni tanto può capitare di imbattersi in scoperte più interessanti di altre. È quanto avvenuto la notte del 27 aprile 2016, quando il telescopio Pan-STARRS da 1.8 metri di diametro, situato sulle isole Hawaii a circa 3.000 metri di quota, ha scoperto 2016 HO3, un piccolo asteroide delle dimensioni stimate comprese tra 40 e 90 metri. L'incertezza sulla dimensione è dovuta al fatto che non conosciamo a priori la sua composizione e la sua albedo (la capacità di riflettere la luce).






Al momento della scoperta aveva una magnitudine di circa 21 (oltre 900.000 volte più debole della più debole stella visibile ad occhio nudo), al limite di rilevazione dei telescopi del nostro Osservatorio (quella sera purtroppo il meteo non era buono).

Qui aprirei una parentisi (come facevano gli antichi sciamani, sacerdoti, a conoscere perfettamente tutti i pianeti del sistema solare, compreso l'ultimo, da noi scoperto nel 2014, senza strumenti di precisione??).

L'asteroide è stato costantemente monitorato, e sono state trovate immagini antecedenti di molto la scoperta: in questo modo è stato possibile allungare l'arco osservativo e tracciare la sua traiettoria con ottima precisione. Ebbene, secondo i calcoli orbitali 2016 HO3 è sostanzialmente un compagno co-orbitante della Terra!

È troppo lontano per essere considerato una vera e propria "piccola Luna", ma come si vede nell'immagine in questa notizia non si discosta mai molto dal nostro pianeta, e così sarà per svariati secoli a venire. Nella sua danza attorno alla Terra, non si avvicina mai per più di 38 volte la distanza della nostra Luna (14,6 milioni di km) e non se ne allontana per più di 100 volte (38,4 milioni di km).



loading...

Si tratterebbe di una vecchia cometa - a forma di teschio - incapace di emettere la tipica luce durante la "caduta".


C'è una data da appuntarsi: l'11 novembre 2018 nel cielo passerà un asteroide a forma di teschio. Proprio la sua particolare forma, che ricorda appunto quella di un teschio, gli ha consentito l'appellativo di asteroide di Halloween, oltre alla data in cui è stato avvistato dai radar per la prima volta. E' stato difatti avvistato il 31 ottobre del 2015, proprio nel giorno in cui si festeggia la festa di Halloween, sorvolando ad una distanza più o meno pari a quella della Luna. In realtà il suo nome è un altro: si tratta dell'asteroide 2015TB145 e l'11 novembre "tornerà a trovarci".

L'asteroide di Halloween sarebbe in realtà una cometa, a forma di teschio.

Secondo gli scienziati potrebbe trattarsi di una vecchia stella cometa, incapace di emettere la tipica luce (durante la caduta) perchè avrebbe esaurito col tempo tutte le sostanze volatili in grado di produrre il fenomeno luminoso. Nonostante la sua "macabra" forma di teschio, il corpo roccioso non è così grande e non arrecherà nessun pericolo per il nostro pianeta.

Quello che vorrei far notare è il fatto che dobbiamo renderci conto, un po tutti, che oggi crediamo di essere a conoscenza di quasi tutto quello che ci circonda, ma in realtà non è così anzi, se osserviamo i numeri e i dati scientifici è proprio il contrario.
Ad esempio, di tutti i mari che ci circondano, solo il 10%  delle profondità  è stato esplorato e mappato!! Direi il nulla.
Persino dopo un secolo di sforzi, l'86% delle specie terrestri resta ancora da classificare. Lo afferma un nuovo studio che ha stimato che la Terra ospita circa 8.7 milioni di specie diverse.
Ciò significa che gli scienziati hanno classificato meno del 15% delle specie esistenti; in più, le stime potrebbero non tener conto di molti organismi già estinti prima di essere individuati. 
Lo studio è stato originato da una semplice domanda. "Siamo vicini a classificare tutte le specie viventi, o siamo ancora fuori strada?", si chiede Boris Worm della Dalhousie University, in Canada, uno degli autori della ricerca. "La risposta è che siamo ancora fuori strada".

Un sorridente ragno Bernie Sanders. Una falena che porta il nome di Donald Trump. Ma anche un nuovo pesce luna, gibboni, cavallette, e una specie di orango appena identificata e già in via di estinzione. Sono tante le nuove specie animali e vegetali scoperte nel corso dell’anno appena trascorso. E non è un caso, visto che in media ogni anno vengono portate alla luce oltre 18mila nuove forme di vita animale e vegetale.
E ancora più raro è identificare un nuovo membro dell’ordine dei primati. A riuscirci è stato un team di ricercatori cinesi e inglesi, che sulle pagine dell’American Journal of Primatology hanno annunciato la scoperta di un nuovo membro della famiglia dei gibboni: l’Hoolock Skywalker, un primate che abita le foreste pluviali cinesi, e che deve il suo nome alla passione dei suoi scopritori per la saga di Guerre Stellari.
E chissà quale altra creatura, intelligente  o no, più di noi, potrebbe vivere nascosta sul nostro pianeta!! E c'è ancora oggi qualcuno convinto di essere l'unico essere intelligente esistente nella galassia? ah ah ah!! Forse sarebbe il caso di chiedersi: "Chissà quante razze  intelligenti esistono in tutte le galassie? chissà a che livello di intelligenza rientra la nostra razza umana? ma noi siamo gli antenati o siamo i giovincelli? ect...










loading...
Posta un commento