it.adnow.com/?referral=337274 VERITA' NASCOSTE: COME SPIEGARE QUESTE CREATURE RITRATTE!!

COME SPIEGARE QUESTE CREATURE RITRATTE!!


Creature metà uomo/animale riempiono centinaia di racconti e testi antichi.
A favore o contro l'umanità, vivevano sulla terra...siamo sicuri che fossero solo esseri di pura invenzione??
Certo i nostri avi dovevano avere una fantasia veramente sviluppata!!.





Abbiamo già affrontato in diverse occasioni i racconti di creature non umane, o ibride, metà uomo e metà animale, in diverse opere del passato. Tali opere sono state considerate da sempre come racconti di pura fantasia, ma oggi, qualcuno comincia a ricredersi perché nuove testimonianze, seppur non orali, ma geroglifici, geoglifi, statue ect.. vengono trovate in varie parti del mondo che non hanno spiegazione logica se non l'esistenza di tali creature.
Guardate questa immagine ripresa dal sarcofago di Nes-Shu-Tefnut rinvenuta negli scavi egiziani di Nag' el-Hasaya dal prof. John Garstang nel 1905. In particolare sono mostrate figure antropomorfe di uomini pesce, il Silurus Glanis era molto venerato in quel tempo...
Come si arriva ad inventare una creatura antropomorfa, se non si è mai vista una  creatura del genere?
Perché inventarla?
Questi esseri, saranno realmente esistiti?
E se si... erano terrestri ?
Una razza umanoide estinta, oppure aliena?

Quello che stupisce è che in entrambe le civiltà, Sumera ed Azteca abbiamo inventato due divinità molto simili, soprattutto per un particolare che oggi è stato scoperto anche su pilastri calcarei, che rappresenterebbero assemblee di uomini, che sono incisi in altorilievo con raffigurazioni di animali: volpi, serpenti, cinghiali, gazzelle, avvoltoi, gru, scorpioni,  a Gobekli Tepe (Turchia), guardate bene le immagini:  "la valigetta".
Ora mi dovete spiegare come popolazioni quasi indigene possono inventare una valigetta??? (vedi foto sotto di Gobekli Tepe)






Non solo in Egitto sono stati trovati Uomini Pesce ma anche divinità Sumere erano rappresentate come creature pesce, e persino dall'altra parte del mondo  Aztechi, Maya raffiguravano divinità simili.
Come si spiega tutto questo?
Possibile che civiltà anche lontane, spazio e tempo parlando, possano aver inventato le stesse creature?



Il mito di Oannes (uomini pesce) facente parte delle più antiche civiltà del nostro pianeta risulta essere allo stesso tempo al centro di uno dei più interessanti misteri della storia passata, come già detto. I testi antichi, quanto quelli moderni, ci danno scarse informazioni riguardo a questa figura leggendaria, dati che sono stati però in grado di fornirci interessanti spunti di riflessione. Il primo popolo conosciuto ove questo mito si manifestò sono i Babilonesi, cultura antichissima che tra le prime concorse allo sviluppo della civiltà. Oannes assunse per questo popolo un valore fondamentale, e a lui venne attribuito il primo incivilimento dell'Assiria e della Babilonia. La tradizione "favoleggia" dell'uscita di questo essere divino da un "uovo primitivo" (o da una struttura di forma ovoidale) che lo aveva condotto fin sulla Terra così da potersi mostrare agli uomini nella sua forma antropomorfa.



Nel 1979 un ingegnere edile belga, Robert Bauval, si stava recando in Egitto e all'aeroporto di Heathrow a Londra comprò un libro intitolato "The Sirius mistery" di Robert Temple.

In questo testo Temple basava le sue affermazioni su un vero e proprio mistero scientifico: la tribù africana dei Dogon (Mali) sapeva da tempo che Sirio era in realtà una doppia stella con un compagno invisibile di cui gli astronomi sospettavano l'esistenza fin dal 1830 circa, quando Friedrich Wilhelm Bessel notò le perturbazioni nell'orbita di Sirio e pensò che doveva esserci una stella incredibilmente densa ma invisibile (quella che oggi chiameremmo stella nana bianca) in cui gli atomi collassati internamente e un frammento della quale, per quanto piccolo, poteva pesare tonnellate. I Dogon dicevano di aver sentito parlare di Sirio B, che chiamavano stella Digitaria, da creature pisciformi, i Nommo, che arrivarono da Sirio migliaia di anni fa.

Soltanto nel 1928, quando Sir Arthur Eddington postulò l'esistenza delle stelle nane bianche, Sirio B cessò di essere nota soltanto a pochi astronomi. Sembrava impossibile che i Dogon possedevano maschere per il culto di Sirio ch vengono conservate in caverne, alcune delle quali hanno centinaia di anni. Così Temple scoprì, recandosi a Parigi per studiare con l'antropologa Germaine Dieterlen, che con Marcel Griaule aveva passato anni tra i Dogon, che questo popolo sembrava conoscere, in modo sorprendentemente dettagliato, il sistema solare. Sapevano che i pianeti ruotano intorno al sole, che la luna è arida e morta, che intorno a Saturno ci sono degli anelli e intorno a Giove delle lune.

Dieterlen notò che anche i Babilonesi credevano che la loro civiltà fosse stata fondata da dèi simili a pesci.

I sostenitori della teoria degli astronauti dell'antichità avrebbero dedotto che si trattava di una prova, fra le tante, del fatto che anche alla base dell'antica civiltà egizia, ci sono delle divinità extraterrestri o spaziali, ma lo scrittore Temple fu molto più prudente, si limitò a sottolineare che era un mistero che una primitiva tribù africana conoscesse così bene l'astronomia.



Vogliamo dimenticare le "Sirene" così come narrano le vicende di Ulisse, nell'Odissea?!
Creature femminili, metà donna metà pesce che attiravano con il bel canto i marinai in acqua che morivano per annegamento.




L'incredibile in questo caso è che il mito delle Sirene è arrivato anche ai giorni nostri. Basti pensare ai vari avvistamenti segnalati da centinaia di anni, corredati ultimamente anche da foto e racconti dei pescatori moderni (vedi i post già pubblicati).

E se per ipotesi!! tutti queste creature, pensati ai Dei greci, Sumeri, Aztechi, Maya, Omerici ect..fossero veri? cosa significherebbe?





Nessun commento: